RECALBOX LA GUIDA COMPLETA ( parte 1)

1033 visualizzazioni

Condividi su

Recalbox è una distribuzione linux nata per il retrogaming equipaggiata con diversi emulatori costantemente aggiornati e ottimizzati, ed è disponibile per diverse piattaforme. La seguente guida è valida per il raspberry pi 4, ma è analoga per tutti i dispositivi.

Scarichiamo l’ultima versione di Recalbox

Per cominciare scarichiamo l’ultima versione di Recalbox a questo indirizzo https://download.recalbox.com/it/#step1category . il Gradevolissimo sito saprà guidarci nello scaricare la versione adatta al nostro dispositivo nel mio caso il raspberry py 4.

recalbox installazione

Creiamo la la nostra SD

Una volta scaricata la nostra distribuzione non ci resta che seguire questa guida , e una volta completata inserire la scheda SD nel dispositivo per eseguire il primo avvio.

Eccoci su Recalbox

La versione 7.2.2 al primo avvio ci introdurrà al mondo di Recalbox con delle simpatiche schermate, per poi avviarsi definitivamente.

Configurazione tasti

La prima cosa importantissima da fare è la configurazione dei tasti, per fare questo, muniamoci del nostro Joypad/joystick e attacchiamolo al recalbox, il quale ci avviserà con una notifica se è stato riconosciuto correttamente.

controller settings recalbox

Premiamo il tasto start del nostro controller e spostiamoci su controller settings per configurarlo

congugure controller recalbox

Ci basterà seguire le istruzioni e premere i tasti corrispondenti per configurare senza troppo sforzo il nostro joypad

Italianizziamolo

Per configurare la lingua italiana andiamo system settings

e selezioniamo la voce italiano

Recalbox verrà riavviato e dopo avremo la nostra interfaccia in italiano.

Aggiungiamo bios e rom

Adesso possiamo già giocare con dei titoli opensource che Recalbox ci mette a disposizione, ma ovviamente vogliamo anche rigiocare con le vecchie glorie e caricarle sulla nostra distribuzione, è per farlo abbiamo 2 alternative

Via interfaccia web

La via più facile è installare le rom via interfaccia web la quale non solo permette anche di configurare al meglio la nostra Recalbox, per utilizzarla premiamo il tasto start andiamo su opzioni di rete

Prendiamo nota dell’indirizzo ip e scriviamolo sulla barra degli indirizzi di un browser su un pc collegato sulla stessa rete.

recalbox web interface

Recalbox ci mostrerà la sua stupenda interfaccia web, e cliccando su roms, basterà cliccare sulla cartella corrispondente la piattaforma che vogliamo emulare

e caricare la rom in maniera semplice e intuitiva

Attenzione!!! questo metodo va bene se le rom pesano pochi mega, per le rom più consistenti e per i bios bisognerà utilizzare il secondo sistema

Via file manager

Esiste un altro metodo altrettanto semplice per caricare sia le rom che il bios e sfrutta il file manager del vostro sistema operativo. Ovviamente in Linux abbiamo diversi file manager, perché ogni distribuzione è nata per esigenze diverse. Quindi la prima cosa da fare è individuare il file manager utilizzato dalla vostra distribuzione. In linea generale Ubuntu utiizza nautilus, Linux mint utilizza Nemo, e le distribuzioni con Kde sicuramente Dolphin mentre tutte le distribuzioni leggere di solito utilizzano PCManFM o Thunar.

Se non sbaglio tutti i file manager sono in grado di sfruttare il protocollo SSH che è proprio quello che andremo ad utilizzare noi per caricare le nostre rom. Per scoprire come, basta fare una ricerca su google semplicemente scrivendo il nome del file manager che utilizzate, seguito da SSH. Come descritto nel precedente articolo per connettersi da remoto sfruttando il protocollo ssh avremo bisogno di un indirizzo ip, un utente e una password.

Individuare l’indirizzo di rete è semplice basta andare su opzioni di rete come descritto in precedenza

Nel mio caso 192.168.1.218

Mentre utente e password li possiamo trovare nella wiki ufficiale di Recalbox e sono :

utente root

password recalboxroot

Una volta ottenute le credenziali d’accesso possiamo utilizzare il nostro file manager per trasferire le rom. Attualmente sto su Linux Mint ,quindi aprirò Nemo e andrò su file e connetti al server

Si aprirà una finestra dove dovremo inserire le credenziali ottenute in precedenza, su Server andremo ad inserire l’indirizzo ip, mentre su utente e password………….. beh arrivateci da soli.

non ci resta altro che cliccare su connetti per essere dentro il file system di Recalbox.

il percorso delle cartelle dove aggiungere le nostre rom è

recalbox/share/roms

mentre il percorso dove aggiungere i bios è

recalbox/share/bios

Sia le rom che i bios ve li dovete procurare in rete e ovviamente se non avete i bios delle console che volete emulare i giochi non partiranno!!! Una volta ottenuti rom e bios basterà fare un copia e incolla nelle cartelle corrispondenti e riavviare Recalbox per cominciare a giocare.

Per la seconda parte della guida cliccate qui


Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.