ALCUNI MITI DA SFATARE SU LINUX

138 visualizzazioni

Condividi su

Ho perso il conto di quante volte mi sono sentito dire “Linux è per smanettoni” o anche “Ma su Linux si usa sempre il terminale a me scoccia scrivere” o ancora “questi sistemi della Linux non saranno mai come Windows”. Ovviamente queste affermazioni mi fanno un tantinello storcere il naso, prima di tutto perché queste affermazioni arrivano da chi fondamentalmente Linux non lo usa o lo ha usato 2 o 3 volte nella vita giusto per capire di che si tratta, ma sempre con una certa superficialità e sufficienza , diciamo giusto per saperne parlare, chi invece ne capisce un tantino di più mi da sempre una risposta “credimi lo vorrei usare ma non ci sono i programmi” oppure la risposta più schietta e sincera “eh ormai sono abituato a windows”

Sia chiaro con questo articolo non voglio convincere nessuno a Passare a Linux, anche perché non mi va di annoiare chi mi legge con i soliti bla bla bla, ma semplicemente dare il mio punto di vista da utente pienamente soddisfatto delle sue scelte, e penso di avere utilizzato il temine adatto “scelta” perché è proprio di questo che si tratta di una scelta.

linux

Miti da sfatare

Prima di incominciare , volevo spendere 2 righe su chi sta davanti un computer, ovvero gli utenti o meglio le persone che stanno davanti il PC, le quali per una buona percentuale pensa che dietro lo schermo ci sia mago merlino che fa muovere le immagini dentro il monitor, e per di più per niente incuriositi dal funzionamento di qualsiasi dispositivo, che sia un pc, che sia uno smartphone l’importante è che funzioni. Bene questi utenti hanno contribuito alla creazione del primo mito da sfatare ovvero…….

1) Linux è difficile

Chiariamo subito una cosa, negli anni 90 questa affermazione effettivamente avrebbe avuto senso, infatti Linux stava iniziando a muovere i primi passi e per carità, per utilizzare linux ci volevano certe conoscenze è un utilizzo massiccio del terminale, ma adesso siamo nel 2022 e si sono fatti passi da gigante per renderlo più user frendly, vero è che ci sono distribuzioni non semplici e non adatte a tutti, ma è altrettanto vero che ce ne siano altre che molto ma molto meno complesse e alla portata di tutti, basta capirne il funzionamento e abituarsi all’interfaccia.

2) Su Linux si usa sempre il terminale

Altro mito che linux si porta dietro dagli anni 90 dove effettivamente c’era un utilizzo massiccio del terminale, ma adesso si fa praticamente tutto da interfaccia grafica e il terminale si usa semplicemente perché è più comodo e anche più sbrigativo.

Faccio un semplicissimo esempio stupido, per installare un programma graficamente devi:

  • Andare sul menù
  • Cliccare su software center
  • Cercare il Software desiderato
  • Cliccare si installa

Mentre sul Terminale devi solo scrivere una volta aperto :

sudo apt-get install nomeprogramma

molto più semplice no?

3) il software open source fa schifo perché è gratis

E qui si arriva al capolavoro massimo della minchiata, ovvero il software open source fa schifo perché è gratis. Mi limiterò fa fare una lista di programmi open source che fanno schifo, vediamo se ne riconoscete qualcuno

  • Vlc
  • Filezilla
  • Audacity
  • WordPress
  • Android
  • Firefox
  • Kodi
  • Apache
  • Openoffice
  • Telegram
  • Gimp

E un altro milione di software che probabilmente usate ogni giorno ma non sapete di usare. Voglio solo aggiungere una cosa, open source non significa gratis, significa aperto, quindi adattabile alle proprie esigenze.

4) Linux è buono solo per i pc vecchi

Ancora una volta una credenza in salsa anni 90, ma in parte vera, infatti si, ci sono distribuzioni linux leggere, nate per girare su vecchi pc, ma una buona distribuzione gira anche su pc moderni senza problemi, questo mito secondo me a contribuito a far considerare ad una parte d’utenza, Linux ,come un sistema operativo di serie B.

5) linux fa schifo perché è per comunisti

ok………….. passiamo oltre

6) Su linux non ci sono i driver

E qui apriamo un argomento serio ovvero i driver per le periferiche, cominciamo subito da quelli ritenuti più importanti ovvero i driver delle schede video, e diciamo subito che nella stragrande maggioranza non solo esistono ma vengono immediatamente installati, non solo, esistono anche i driver open source mantenuti dalla comunità. Per il resto ,dipende dalla marca della periferica, in alcuni le periferiche vengono subito riconosciute, in altri bisogna sbattersi un pochino e magari chiedere assistenza.

7) Su linux non c’è assistenza

Diciamolo subito, su Linux l’assistenza esiste eccome, ma non come se l’aspetta un utente che ha sempre usato windows, infatti esistono forum ( questi sconosciuti) chat Telegram e molti altri canali di comunicazione che forniscono assistenza, il problema è sempre che chi sta davanti lo schermo, che al 99% ha paura di sbagliare o peggio magari non sa esporre il problema, o ancora non si vuole sbattere a risolverlo il problema.

Conclusioni

Qui voglio fare alcune considerazioni, sono anni che utilizzo Linux come sistema operativo stabile e non sono mai tornato indietro, il concetto che c’è dietro di libertà, di comunità e di condivisione mi hanno sempre attirato, ma non è il vero motivo per cui io sono un utente Linux, io uso questo sistema operativo perché funziona, perché mi diverte, perché è straordinariamente stabile e perché mi ha effettivamente aperto tantissime porte e mi ha arricchito, sicuramente all’inizio non è stato facile, ma il viaggio ne è valso il tempo perso, oggi non è più come prima, le cose sono migliorate moltissimo, e alcune distribuzioni io le reputo migliori di windows stesso, se non altro in reattività e in stabilità. Per iniziare ad usare una distribuzione Linux oggi si ha bisogno semplicemente di una certa elasticità mentale in quanto è diverso l’approccio rispetto al sistema operativo più utilizzato ( perché preinstallato ).Linux mette al centro di tutto sempre l’utente e gli pone davanti delle scelte, perché è lui l’amministratore della propria macchina e nessun altro, e forse sta li tutta la difficoltà di utilizzare linux, la scelta, che impone un certo coraggio e una certa conoscenza del dispositivo che si sta utilizzando.

Oggi iniziare è ancora più semplice perché esistono diverse distribuzioni di semplice utilizzo e se hai avuto pazienza e sei arrivato alla fine di questo articolo, complimenti, hai appena fatto il primo passo mosso dalla curiosità verso questo mondo, devi solo farne un altro.


Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.