BRAVE IL BROWSER CHE TI PAGA PER NAVIGARE SU INTERNET

209 visualizzazioni

Condividi su

Nella mia vita da smanettone informatico, tra i software che ho utilizzato di più in assoluto c’è sicuramente Firefox e con il quale nutro un amore quasi maniacale, sia come filosofia che come facilità di utilizzo. Ovviamente ho provato diversi browser come Opera. Chrome, Chromium, Vivaldi o Midori e molti altri, tutti molto validi e con caratteristiche molto interessanti giusto per chiarire, ma nessuno di questi mi ha dato motivo fino ad adesso per farmi schiodare da Firefox, fino a quando non ho provato Brave.

Brave Browser

Brave è un browser open source e multi piattaforma basato su Chromium ( quindi praticamente Chrome) che fa della protezione della privacy dell’utente il suo cavallo di battaglia, ma a fare la differenza con gli altri browser è la filosofia sugli ads. Il browser in questione infatti è capace di bloccare gli ads, quindi la pubblicità invadente su internet, rendendo la navigazione su internet più veloce e fluida e con un notevole risparmio di banda, cosa utilissima sulla navigazione via mobile. Ma non è finita qui, perché durante la navigazione in internet vengono proposti degli ads mediate notifiche e ogni ads visualizzato viene pagato mediante un token BAT (Basic Attention Token) convertibile in cryptovaluta. Riassumendo navigando su internet con Brave non solo si va più veloci, ma vieni pagato per ogni pubblicità che visualizzi.

brave browser home page

L’interfaccia del browser esteticamente si presenta molto simile a Chrome e ovviamente è possibile impostare la home page a proprio piacimento come tutti i browser tradizionali e ovviamente è possibile fare le proprie ricerche, scrivendo la parola chiave sulla barra degli indirizzi.

Rete Tor

Altra cosa che mi è piaciuta non poco, è che oltre la classica navigazione incognito qui chiamata navigazione privata è possibile utilizzare la rete Tor con un click, senza utilizzare nessun plugin o addon aggiuntivo, non che io sia un assiduo utilizzatore del “dark web” , ma è un opzione che non ho trovato in nessun altro browser.

tor brave

Sincronizzazione

Una della cose che mi è piaciuta in assoluto è la sincronizzazione decentralizzata, in poche parole mentre sui tradizionali browser la sincronizzazione avviene tramite account ( quindi utente e password che vengono registrati su un server esterno) qui avviene tramite qr code quindi solo tra i 2 browser che vogliamo sincronizzare garantendo la privacy dell’utente.

brave QRcode

Estensioni

Per chi come me non può fare a meno di componenti aggiuntivi sul proprio Browser sappiate che essendo basato praticamente su chrome è possibile utilizzarne le estensioni. l’installazione è quella classica, basta andare su chrome web store, scegliere l’addon desiderato e cliccare su aggiungi

Installazione

L’ unica cosa che mi ha fatto storcere il naso è l’installazione su Linux, o almeno sulla mia distribuzione basata su Ubuntu. Mentre su tutte le altre piattaforme ( Windows, Android ) basta andare sul sito e scaricare l’installer, su linux dobbiamo mettere le mani a terminale, niente di complicato per carità, ma ne scoraggia l’installazione ad un utente inesperto.

Per installarlo su ubuntu e derivate dobbiamo aprire il terminale e scrivere

sudo apt install apt-transport-https curl

successivamente

sudo curl -fsSLo /usr/share/keyrings/brave-browser-archive-keyring.gpg https://brave-browser-apt-release.s3.brave.com/brave-browser-archive-keyring.gpg

e a seguire

echo "deb [signed-by=/usr/share/keyrings/brave-browser-archive-keyring.gpg arch=amd64] https://brave-browser-apt-release.s3.brave.com/ stable main"|sudo tee /etc/apt/sources.list.d/brave-browser-release.list

diamo un update con

sudo apt update

e alla fine finalmente lo installiamo con il classico

sudo apt install brave-browser

una volta fatto questo avremo installato brave browser sulla nostra distribuzione e iniziare a navigare su internet

Conclusioni

Devo ammettere che Brave mi ha piacevolmente sorpreso anche se non mi sono mai piaciuti i browser basati su chrome. Sicuramente è un browser da provare anche per testare la sua incredibile velocità. Una cosa che ho particolarmente apprezzato è che ti apre un mondo, ovvero quelle criptovalute, infatti, un utente attento non potrà fare a meno di approfondire l’argomento e trarre vantaggio il più possibile dalla propria navigazione internet, il tutto rimanendo il più possibile protetti dalle potenziali minacce della rete


Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.