LE DIFFERENZE TRA GIMP E PHOTOSHOP

240 visualizzazioni

Condividi su

Gimp è sicuramente uno dei programmi a cui sono affezionato moltissimo, l’ho usato tantissime volte per realizzare skin, texture, alcune immagini di questo sito ( lo so lo so sono orribili ma è colpa mia) , e molto altro. Nel tempo ne ho sentito di tutti colori su questo stupendo programma per la manipolazione delle immagini open source, come ho sentito tantissime critiche alcune molto intelligenti, altre molto ma molto stupide e senza alcun fondamento. Con questo articolo cercherò di fare chiarezza sulla questione e darò un mio personalissimo parere.

gimp

GIMP vs Photoshop

Una prima differenza tra i 2 software la si può trovare nello scopo per il quale 2 software sono stati creati

Photoshop nasce come programma professionale per la manipolazione delle immagini sviluppato da Adobe, di conseguenza lo sviluppo ha un suo costo, e l’utilizzo è rivolto ad un pubblico di professionisti nel settore, che lavorano e guadagnano grazie a questo software, e questo già da se ne giustifica l’elevato prezzo.

Gimp nasce fondamentalmente come alternativa libera a Adobe Photoshop da fare girare nei sistemi GNU/Linux, necessità dettata dal fatto che Adobe ha sempre dichiarato di non voler fare un porting del proprio software su quel sistema operativo. Essendo un programma open source è sviluppato volontariamente e gratuitamente in rete e non ha un costo.

Le analogie

So quello che state pensando in questo momento, ovvero”dato che Photoshop e rivolto ai professionisti e Gimp invece è sviluppato nerd che si passano il tempo, allora è meglio Photoshop?”. Per rispondere a questa domanda vi farò un breve elenco delle cose che hanno in comune

  • Entrambi lavorano con i livelli in diverse modalità
  • Entrambi hanno strumenti per la manipolazione delle immagini
  • Entrambi hanno hanno dei filtri
  • In entrambi è possibile scaricare dei plugin aggiuntivi
  • In entrambi possiamo regolare i colori
  • entrambi hanno le maschere di livello
  • In entrambi possiamo installare i pennelli

Ma allora la differenza dove sta? semplicemente nell’abitudine dell’utente, magari con Gimp per ottenere un certo risultato ci stai più tempo perché occorrono più passaggi, e magari è più macchinoso, ma ottieni esattamente lo stesso risultato che puoi ottenere usando Photoshop, e si in ambito professionale il fattore tempo è importantissimo perché il tempo è denaro , ma se siamo dei semplici amatori e vogliamo semplicemente creare e divertirci con la grafica, Gimp è sicuramente la scelta giusta da fare.

Gimp e Photoshop non vanno d’accordo

Altra cosa che si pensa comunemente è che Gimp per essere bello e funzionale debba essere la copia spiccicata di Photoshop, niente di più sbagliato!!!

Come spiegato poche righe più su, Gimp è nato per dare un’alternativa a Photoshop nei sistemi GNU/Linux, ma non c’è scritto da nessuna parte che debba essere un clone, o addirittura compatibile con esso, sono 2 software che hanno il medesimo scopo , ovvero la manipolazione delle immagini, ma che giustamente viaggiano su 2 binari differenti.

Ecco spiegato il motivo per cui un utente abituato ad utilizzare Photoshop, troverà anomalo o addirittura scomodo usare Gimp e viceversa. Altro errore comune è pensare che i 2 programmi siano compatibili e qui occorre nuovamente un chiarimento, spesso chi lavora in questo campo utilizzando Photoshop salva nel formato proprietario PSD, ovvero un formato non libero creato da Adobe .

Gimp è in grado di leggere i PSD ma qualche impostazione del file può venire a mancare, questo non accade perché gli sviluppatori di Gimp sono degli incompetenti, ma semplicemente perché il file PSD è un file volutamente chiuso, fatto in modo cioè da essere letto solo dai prodotti Adobe, di conseguenza agli occhi di un utente non proprio competente Gimp può venire considerato di bassa qualità.

Gimp in ambito professionale

Ribadisco ancora una volta Photoshop è stato Sviluppato per i professionisti, di conseguenza è del tutto normale che per chi vuole intraprendere la carriera del grafico debba imparare questo software, come tutti gli altri software del pacchetto Adobe, ed è anche giusto per un’azienda scegliere Adobe per via della interazione che hanno tra di loro.

Ma su Gimp si può grafica professionale? La risposta è si, magari bisogna sbattersi un po’ di più facendo più passaggi, e magari bisogna installare qualche plugin per importare qualche file particolare, ma il risultato è il medesimo, e anche più che soddisfacente, ho visto addirittura fotografi lavorare con Gimp in tutta tranquillità, come anche dei grafici professionisti, e a parere mio per un software nato solo per dare un alternativa alla controparte proprietaria mi sembra un ottimo risultato.

Conclusioni

Con questo articolo volevo solo dare una mia opinione sull’antica diatriba Gimp VS Photoshop. Ne ho sentite di tutti i colori, e tanti bla bla bla, come sempre il problema si riduce non al software utilizzato, ma da chi ci sta davanti il monitor, i software sono solo strumenti per lavorare, o se vogliamo fare un paragone artistico, pennelli con cui l’artista lavora, e non rendono il proprio lavoro professionale o meno, la professionalità si acquisisce con il tempo e l’esperienza e non dipende da quello che si usa, è sapere cosa usare e perché lo si usa, quello si che significa essere professionali.

Ancora non mi credete? cercate sul vostro motore di ricerca “Gimp artwork gallery” vi ricederete


Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.