LIBREWOLF – IL BROWSER CHE TIENE ALLA TUA PRIVACY

116 visualizzazioni

Condividi su

Librewolf e un fork del famosissimo browser firefox che si concentra sulla privacy dell’utente e si candida come migliore alternativa a Brave, software per la navigazione web con il medesimo obbiettivo, ma basato su Chromium.

Installazione di Librewolf

Librewolf è disponibile sul proprio sito ufficiale per Windows, Mac e Linux, ma l’installazione su linux esattamente come la sua controparte basata su Chromium, può far venire qualche grattacapo ad un utente poco esperto, niente di complicato come al solito in realtà, ma non immediatissimo

Per l’installazione su Ubuntu

Per installare il Browser su Ubuntu 22.04 dovremo dare sul terminale i seguenti comandi:

Aggiornare Ubuntu con

sudo apt update && sudo apt upgrade -y

Installare le dipendenze con

sudo apt install wget apt-transport-https gnupg2 ubuntu-keyring -y

Importare la chiave GPG per verificare l’autenticità dei pacchetti con

wget -O- https://deb.librewolf.net/keyring.gpg | sudo gpg --dearmor | sudo tee /usr/share/keyrings/librewolf.gpg

 Importare il repository con

echo deb [arch=amd64 signed-by=/usr/share/keyrings/librewolf.gpg] http://deb.librewolf.net $(lsb_release -cs) main | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/librewolf.list

Diamo un aggiornamento APT con

sudo apt update

e finalmente installarlo con

sudo apt install librewolf -y

AppImage

Fortunatamente e disponibile per Linux una comoda appimage installabile semplicemente con un doppio click, risparmiandoci tutto il procedimento descritto sopra.

Esperienza d’uso

Essendo un fork del popolare browser Mozilla Firefox, Librewolf ne eredita l’esperienza d’uso ed è anche possibile utilizzare i numerosi plugin messi a disposizione dalla numerosa comunità Mozilla.

Una volta avviato sul nostro PC noteremo che troveremo preinstallato sul browser Ublock popolare adblocker che ci servirà per bloccare tutti i pop up indesiderati, e come motore di ricerca predefinito DuckDuckGo

librewolf

Ovviamente è tutto configurabile secondo le nostre esigenze, io personalmente ad esempio come motore di ricerca predefinito utilizzo Presearch , cosi oltre ad essere sicuro guadagno anche qualche token, e si, è possibile utilizzare anche google per le proprie ricerche anche se fortemente sconsigliato.

Localizzazione in italiano

Se il motore di ricerca lo si sceglie in base ai propri gusti ed esigenze, sicuramente torna utile localizzare il proprio browser in italiano.

Per farlo basterà cliccare sulle 3 barrette orizzontali in alto a sinistra e successivamente su Settings

Si aprirà la pagina web delle preferenze dove noi andremo ad individuare la voce language e selezioneremo dal menù a tendina la lingua desiderata nel nostro caso l’italiano, una volta fatto questo avremo il nostro browser in italiano.

L’importanza di usare Browser alternativi a Chrome

Google e in particolar modo con il suo Browser Chrome ha praticamente monopolizzato il mondo della navigazione internet (e sinceramente non capisco il perché a me Chrome non mi è mai piaciuto). Vero è che esistono tantissimi Browser in rete , ma la maggior parte per non dire quasi tutti sono derivati da Chromium ovvero il Browser open source derivato da Chrome.

Questo significa praticamente che tutta la nostra navigazione web dipende da Google, di conseguenza può fare il buono ed il cattivo tempo nel mondo della navigazione Web.

Per fare un paragone stupidissimo , se uno sviluppatore indipendente crea un applicazione web che non rispetta i canoni dettati da Google, quell’applicazione praticamente non esiste, perché non potrà essere eseguita da tutti i browser derivati da Google Chrome.

L’unico Browser che non ha nulla a che vedere con Google è Firefox, che al momento è installato in pochissime macchine, ma che in ogni caso rimane un ottimo software anche se al momento sta attraversano un periodo di crisi che non dipendono dalla qualità del software stesso.

Support Firefox

Utilizzare Firefox e le sue derivate significa aiutare internet ad essere libera e non di proprietà di qualcuno, significa riappropriarsi della propria libertà di scegliere il software che si preferisce per la navigazione in rete.

Internet è nostra

Do it Your Web

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.